Il Tenente Giorgio

http://www.dati.puglia.it/resource/DigitalLibrary/132 entità di tipo: E38_Image

L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film.
Il Tenente Giorgio 
Il Tenente Giorgio 
decennio 1950 
Mediateca Regionale Pugliese 
Cinema 150 anni 
Mediateca Regionale Pugliese 
BA 
Mediateca Regionale Pugliese 
Via Giuseppe Zanardelli, 30 - Bari, BA, Puglia 
decennio 1950 
Il Tenente Giorgio 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
Via Giuseppe Zanardelli, 30 - Bari, BA, Puglia 
Fotobusta 
Manifesto 
Cinema 150 anni 
ita 
Il Tenente Giorgio 
Mediateca Regionale Pugliese 
BA 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
Fotobusta 
Manifesto 
ita 
41,111125 
41,111125 
16,875478 
16,875478 
Mediateca Regionale Pugliese 
decennio 1950 
BA 
Arte 
Cinema 
Spettacoli ed Eventi 
Storia e Tradizioni 
Bassa risoluzione 
Fotobusta 
Manifesto 
Mediateca Regionale Pugliese 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
image/jpeg 
ita 
Cinema 150 anni 
Arte 
Cinema 
Spettacoli ed Eventi 
Storia e Tradizioni 
Fotobusta 
Manifesto 
Il Tenente Giorgio 
Il Tenente Giorgio 
Il Tenente Giorgio 
41,111125 
16,875478 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
L'immagine è la riproduzione digitale del manifesto cinematografico del film 'Il Tenente Giorgio', prodotta in occasione dell'evento 'Cinema 150 anni', mostra di manifesti d'epoca sul Risorgimento. La mostra, allestita negli spazi della Mediateca Regionale di Bari, è stata realizzata nel 2011 dall'Ufficio Attività culturali e audiovisivi, afferente al Servizio Cultura e Spettacolo della Regione Puglia, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Il film da cui trae origine la locandina è ambientato in Sila, nel 1866. Il fenomeno del brigantaggio dilagava a macchia d'olio nel Mezzogiorno d'Italia. Il tenente Giorgio a capo di un comando di bersaglieri viene ospitato dai conti di Monserrato nel loro Castello per una notte. Qui una signora anziana lo invita a passare una travolgente notte d'amore con una giovane donna a patto che non le veda il volto e non sappia il suo nome. La donna altri non è che la contessa Elisa, moglie di Stefano di Monserrato, invalido, incapace di dare un erede alla ricca famiglia, motivo per il quale la loro unione era stata progettata e che avrebbe portato alla nascita di una bambina. Per sfuggire alla vergogna e alla rabbia di esser stato scoperto come padre illegittimo della bambina, il conte Stefano dà fuoco al castello e muore nel rogo. Il dramma si risolve così in lieto fine, poiché Elisa ritrova la figlia, che era stata rapita per impossessarsi con l'estorsione della ricca eredità e anche Giorgio, che non aveva mai dimenticato. Il manifesto originale, che rispecchia i canoni grafici dell'epoca con un'immagine tratta dal film, titolo grande ed evidente, colori accesi e informazioni laterali, presenta piccole lacerazioni alle angolazioni e la presenza di segni di penna (due X) in basso a sinistra. Del manifesto esistono diverse varianti, ma è consueto trovare quella di Elisa tra le braccia del Tenente, dal forte pathos emozionale, nonché una delle scene madri del film. 
Il Tenente Giorgio 
image/jpeg 
ita 
Bassa risoluzione 
Fotobusta 
Manifesto 
image/jpeg 
ita 
Bassa risoluzione 
Fotobusta 
Manifesto 

risorse dalla linked data cloud