Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre

http://www.dati.puglia.it/resource/DigitalLibrary/937 entità di tipo: E38_Image

La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili.
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
sec. XII 
Roberto Sibilano 
Masserie di Puglia 
Roberto Sibilano 
BA 
sec. XII 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
Masserie di Puglia 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
Roberto Sibilano 
BA 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
Masseria Torre Villotta 
41.162.752 
41.162.752 
16.511.281 
16.511.281 
Roberto Sibilano 
sec. XII 
BA 
Storia e Tradizioni 
Ambiente e Paesaggio 
Architettura 
Bassa risoluzione 
Masseria Torre Villotta 
Roberto Sibilano 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
image/jpeg 
Masserie di Puglia 
Storia e Tradizioni 
Ambiente e Paesaggio 
Architettura 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
41.162.752 
16.511.281 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
La fotografia è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine digitale riprende dal basso un dettaglio di Torre Villotta, che ne esalta la bellezza e la modalità costruttiva, costituita da conci di pietra calcarea squadrati e sbozzati con molta cura. L'aggregato si trova nei pressi dell'agro di Molfetta e la sua costruzione risalirebbe probabilmente al XII secolo. La torre alta circa 10 metri a pianta quadrata non presenta caditoie esterne, mentre all'interno vi è ancora una feritoia 'a coda di rondine' che proteggeva il lato nord e l'ingresso della masseria e un'altra, posta sul lato di ponente nella camera adiacente la torre. Si accedeva alla torre mediante una stretta porta sormontata da arco al pianterreno. L'accesso ai piani superiori della torre avveniva mediante scale retrattili. 
Masseria Torre Villotta - Dettaglio della torre 
image/jpeg 
Bassa risoluzione 
image/jpeg 
Bassa risoluzione 

risorse dalla linked data cloud