Message Boards Message Boards

Il Percorso della Regione Puglia per lo sviluppo degli Open Data

Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia

Threads [ Previous | Next ]
Toggle
Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
Answer
11/4/14 4:18 PM as a reply to Giancarlo InnovaPuglia Di Capua.
Molto interessante la volontà di attivare un Centro di Competenza regionale per gli OD.
Sono Michelantonio Trizio, vincitore di Principi Attivi 2012 con OpenBSK, progetto su open data.
Nel Documento si parla di "Piano annuale degli Open Data regionali". E' già disponibile o deve essere rilasciato?
La nostra associazione vorrebbe rendersi parte attiva di questo processo che la Regione vuole innestare.
Sono favorevole a tutte le azioni che il Centro Servizi dovrebbe svolgere.
A mio avviso, in special modo, ci vuole ancora una massiccia opera di diffusione della cultura degli OD, che è il lavoro su cui ci stiamo concentrando ora con l'associazione.
Quali sono le possibilità?

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
comunità
Answer
11/5/14 7:07 PM as a reply to Michelantonio Associazione OPENBSK Trizio.
Michelantonio Associazione OPENBSK Trizio:
Molto interessante la volontà di attivare un Centro di Competenza regionale per gli OD.
Sono Michelantonio Trizio, vincitore di Principi Attivi 2012 con OpenBSK, progetto su open data.
Nel Documento si parla di "Piano annuale degli Open Data regionali". E' già disponibile o deve essere rilasciato?
La nostra associazione vorrebbe rendersi parte attiva di questo processo che la Regione vuole innestare.
Sono favorevole a tutte le azioni che il Centro Servizi dovrebbe svolgere.
A mio avviso, in special modo, ci vuole ancora una massiccia opera di diffusione della cultura degli OD, che è il lavoro su cui ci stiamo concentrando ora con l'associazione.
Quali sono le possibilità?
Gentile Michelantonio,
i documenti presenti in questo Forum sono in consultazione proprio per raccogliere, opinioni, suggerimenti, contributi. 
Per questo, la ringraziamo della partecipazione e della disponibilità offerta.
Il Piano annuale è una proposta che speriamo possa essere largamente condivisa da quanti sono interessati agli Open Data. Non appena conclusa la fase di consultazione, le Linee di indirizzo per la valorizzazione degli OD saranno rese definitive da Regione Puglia e si darà seguito sia al Piano annuale che all'attivazione del Centro Servizi.
Su qest'ultimo tema, saranno valutate sia la possibilità che le modalità di funzionamento per aprire l'esprienza ai soggetti interessati a far parte attiva della comunità degli innovatori  pugliesi.
Grazie

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
Answer
11/15/14 11:45 AM as a reply to Claudia Germano.
Trovo l'impianto complessivo interessante. La parte relativa al  "Piano annuale degli Open Data regionali" e all'attivazione del Centro Servizi sembrerebbe, infatti, comportare anche il sostegno nella produzione e rilascio di open data a soggetti che non siano necessariamente Pubblica Amministazione, ma che dispongono di dati di particolare interesse per possibili usi aperti: è così?
Mi chiedo anche se il Centro Servizi sarà dotato di competenze in grado di supportare dati open a 5 stelle...

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
Answer
11/18/14 8:38 AM as a reply to Aldo Istat Scarnera.
Mi permetto di rispondere al quesito se il Centro Servizi su OD supporterà la pubblicazione di dati a 5 stelle (e colgo l'occasione per salutare il dott. Scarnera): 
mi sembra di poter affermare che la risposta sia affermativa alla luce dell'obiettivo OM.5 riportato nel documento (la cui intestazione non a caso è "Linked Open Data"). 

A questo proposito non è superfluo precisare l'equivalenza 'OD a 5 stelle=Linked Open Data (LOD)' 

La piramide del sapere Dati-Informazioni-Conoscenza-Saggezza (Data-Information-Knowledge-Wisdom) può essere costruita (risalita?) solo selezionando ed associando unità di informazione (la ns.mente è associativa e selettiva), che altrimenti sarebbero altrettante monadi vaganti nelle ns.menti e destinate ad essere dimenticate. 

Where is the Life we have lost in living?
Where is the wisdom we have lost in knowledge?
Where is the knowledge we have lost in information?
 

T.S. Eliot, The Rock (1934)

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
Answer
11/21/14 9:52 AM as a reply to Giancarlo InnovaPuglia Di Capua.
Interessante la roadmap ipotizzata e gli obiettivi di medio periodo individuati. 
Credo sia importante che le attività del Centro di Servizi e Competenze siano improntate alla massima partecipazione ed apertura.

Mi piacerebbe capire, nell'idea di chi ha definito questa roadmap ed identificato i soggetti attuatori, in cosa consisterà questo Centro di Servizi e Competenze (es. quante persone ne faranno parte? a quale struttura regionale farà riferimento?). 

Da quello che capisco circa il ruolo che questo Centro Servizi svolgerà, ritengo fondamentale che si preoccupi di proporre e definire gli standard regionali - in accordo con quanto definito dall'AgID a livello nazionale - per la pubblicazione e l'interoperabilità degli opendata. Questa responsabilità non mi sembra adeguatamente evidenziata tra i compiti del centro servizi elencati a pag.9.

RE: Principi generali per lo sviluppo degli Open Data della Regione Puglia
Answer
11/24/14 5:33 PM as a reply to Massimo Planetek Italia s.r.l. Zotti.
Gli obiettivi sono certamente ambiziosi, le problematiche di standardizzazione sono importantissime.

Avere dati nei formati più diversi è certamente meglio di niente, non è auspicabile ed è un problema che va superato.

E' importante predisporre strutture e strumenti per censire
- i dati in possesso della PA e la loro accessibilità (dove sono ? DB, pagine web, documenti non strutturati, ...);
- il profilo dei produttori e dei possibili consumatori dei dati;
- il loro stato rispetto al problema della pubblicabilità (che formato usano? hanno un modello comune? ...);
- la loro manutenbilità (il dato cambia, deve essere aggiornato, ripubblicato, è probabile che dei soggetti siano meritevoli di essere notificati, ...);

e definire
- un comitato di standardizzazione (formati)
- un laboratorio per la produzione degli strumenti atti a validare il dato e a fornire gli strumenti base per l'interrogazione degli stessi.

Quest'ultimo passo non è, evidentemente, obbligatorio, è però opportuno per ragionevolmente garantire l'usabilità delle informazioni e facilitare (accelerare) il loro utilizzo da parte dei produttori di servizi.