This HTML5 document contains 117 embedded RDF statements represented using HTML+Microdata notation.

The embedded RDF content will be recognized by any processor of HTML5 Microdata.

PrefixNamespace IRI
dctermshttp://purl.org/dc/terms/
n11http://vocab.getty.edu/aat/
dbpedia-owlhttp://dbpedia.org/ontology/
foafhttp://xmlns.com/foaf/0.1/
n17http://culturaitalia.it/pico/thesaurus/4.1#
dchttp://purl.org/dc/elements/1.1/
n12http://schema.org/
rdfshttp://www.w3.org/2000/01/rdf-schema#
skoshttp://www.w3.org/2004/02/skos/core#
n2http://www.dati.puglia.it/resource/DigitalLibrary/
n20https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/
n13http://erlangen-crm.org/current/
n14http://www.pugliadigitallibrary.it/item.jsp?id=197&locale=
rdfhttp://www.w3.org/1999/02/22-rdf-syntax-ns#
n8http://purl.org/dc/dcmitype/
n4http://it.dbpedia.org/resource/
n7http://linkedgeodata.org/page/triplify/
dbpprophttp://dbpedia.org/property/
xsdhhttp://www.w3.org/2001/XMLSchema#
n15http://it.dbpedia.org/resource/Categoria:
geonameshttp://www.geonames.org/ontology#
n18http://vocab.getty.edu/tgn/
Subject Item
n2:197
rdf:type
n8:StillImage n13:E38_Image
rdfs:label
Masseria Jesce - Particolare interno
rdfs:comment
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
rdfs:seeAlso
n14:it_IT
dc:title
Masseria Jesce - Particolare interno
n13:P104_is_subject_to
n20:legalcode
n13:P2_has_type
n17:sec_xvi n8:StillImage n17:architettura
dc:coverage
sec. XVI
dc:rights
Roberto Sibilano n20:legalcode n4:Accademia_di_belle_arti_di_Bari
dc:subject
n11:300263552 n17:sec_xvi n15:Architettura_rurale_in_Italia n15:Opere_architettoniche n17:architettura
dcterms:isPartOf
Masserie di Puglia
dcterms:isReferencedBy
n14:it_IT
dcterms:rights
n20:legalcode
dcterms:rightsHolder
n4:Accademia_di_belle_arti_di_Bari Roberto Sibilano
dcterms:spatial
n7:node68528719 BA n4:Altamura n4:Puglia n18:7010380 n18:7004104 n7:node1781917329
dcterms:subject
n17:sec_xvi n15:Architettura_rurale_in_Italia n15:Opere_architettoniche n17:architettura n11:300263552
dcterms:temporal
sec. XVI
foaf:isPrimaryTopicOf
n14:it_IT
skos:hiddenLabel
Masseria Jesce - Particolare interno
skos:note
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
dbpedia-owl:abstract
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
dbpedia-owl:category
n17:architettura n4:Masseria n17:sec_xvi
dbpedia-owl:genre
n8:StillImage
dbpedia-owl:isPartOf
Masserie di Puglia
dbpedia-owl:license
n20:legalcode
dbpedia-owl:locationCity
n7:node68528719 n18:7004104 n4:Altamura
dbpedia-owl:name
Masseria Jesce - Particolare interno
dbpedia-owl:owner
Roberto Sibilano n4:Accademia_di_belle_arti_di_Bari
dbpedia-owl:province
BA
dbpedia-owl:region
n4:Puglia n7:node1781917329 n18:7010380
dbpprop:abstract
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
dbpprop:category
n17:sec_xvi n17:architettura n4:Masseria
dbpprop:depicts
Masseria Jesce
dbpprop:genre
n8:StillImage
dbpprop:license
n20:legalcode
dbpprop:locationCity
n4:Altamura n7:node68528719 n18:7004104
dbpprop:owner
n4:Accademia_di_belle_arti_di_Bari Roberto Sibilano
dbpprop:period
sec. XVI
dbpprop:province
BA
dbpprop:region
n4:Puglia n7:node1781917329 n18:7010380
dbpprop:subject
n15:Architettura_rurale_in_Italia n15:Opere_architettoniche n11:300263552
dbpprop:topic
Architettura Arte Storia e Tradizioni Ambiente e Paesaggio
dbpprop:use
Bassa risoluzione
n12:about
n15:Architettura_rurale_in_Italia n15:Opere_architettoniche n17:architettura n17:sec_xvi n11:300263552 Masseria Jesce
n12:category
n4:Masseria
n12:copyrightHolder
n4:Accademia_di_belle_arti_di_Bari Roberto Sibilano
n12:description
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
n12:encondingFormat
image/jpeg
n12:genre
n8:StillImage
n12:isPartOf
Masserie di Puglia
n12:keywords
Ambiente e Paesaggio Architettura Arte Storia e Tradizioni
skos:broader
n4:Masseria
skos:prefLabel
Masseria Jesce - Particolare interno
geonames:name
n4:Altamura n7:node68528719 n18:7004104
dcterms:title
Masseria Jesce - Particolare interno
dbpprop:name
Masseria Jesce - Particolare interno
dc:description
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
dcterms:description
L'immagine digitale è parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume 'Le masserie di Puglia come Bene Culturale' in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. La fotografia, generata in bianco e nero e poi post prodotta, cattura in primissimo piano un dettaglio all'interno di Masseria Jesce, evidenziando la potenza e la bellezza di questi segni conservati nel tempo, che raccontano la storia della comunità rurale pugliese. Masseria Jesce oggi è proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano; alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
n12:name
Masseria Jesce - Particolare interno
dc:format
image/jpeg
dc:type
n4:Masseria n8:StillImage Bassa risoluzione
dcterms:format
image/jpeg
dcterms:type
n8:StillImage n4:Masseria Bassa risoluzione